Cos'è

Gli Screening Oncologici sono interventi complessi di sanità pubblica, efficaci, che hanno come obiettivo l’identificazione precoce di tumori o di lesioni pre-cancerose.

L’individuazione precoce delle forme tumorali può consentire interventi terapeutici più efficaci e meno invasivi, aumentando le possibilità di guarigione.

Dove

Ospedale Cesare Zonchello, Nuoro, Padiglione A – 1°piano

Numero Verde 800.20.80.84

dal lun. al ven. dalle 9:30 alle 11:30 e martedì pomeriggio dalle 15:00 alle 17:00

email: [email protected]

Cosa offre

La ASL di Nuoro offre gratuitamente un programma di screening organizzato per:

  • Screening del tumore della mammella,
  • Screening del tumore della cervice uterina,
  • Screening del tumore colon retto

 

 

Lo screening per il tumore della mammella è rivolto alle donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni e prevede l’esecuzione di una mammografia ogni 2 anni.

La mammografia è l’indagine più efficace e specifica per individuare precocemente i tumori della mammella, per tale ragione è stata individuata come test di primo livello dello screening.

Lo screening del tumore della mammella, è un programma completamente gratuito in tutte le fasi diagnostiche e terapeutiche, non è previsto il pagamento del ticket e non è necessaria l’impegnativa del curante.

Se l’esame ha dato esito dubbio o se viene identificata una anomalia o una lesione del tessuto mammario, il Centro Screening contatterà telefonicamente l’utente per ripetere l’esame o eseguire ulteriori accertamenti necessari. Gli esami di approfondimento sono chiamati esami di secondo livello e possono essere:

  • Ecografia
  • Ingrandimenti mammografici, tomosintesi,
  • Risonanza Magnetica
  • Prelievo per esame citologico
  • Prelievo per esame istologico

 

Il tumore al collo dell’utero (o della cervice uterina) è il terzo tumore più frequente nelle donne. Il principale fattore di rischio è rappresentato dall’infezione da HPV (papilloma virus umano).

La ASL di Nuoro offre gratuitamente un programma di screening organizzato, con l’obiettivo di individuare precocemente una eventuale una lesione pre-cancerosa o neoplasia, prima che compaiano sintomi, consentendo così interventi terapeutici più efficaci e meno invasivi, con una maggiore possibilità di guarigione.

 

Lo screening per il tumore del collo dell’utero è rivolto alle donne di età compresa tra i 25 e i 64 anni e prevede l’esecuzione di un Pap-Test ogni 3 anni. Si tratta di prelievo di cellule dal collo dell’utero, utilizzando una piccola spatolina, per identificare la presenza di eventuali anomalie del tessuto. Il materiale prelevato viene analizzato presso i laboratori di Anatomia Patologica del San Francesco di Nuoro.

Se l’esame ha dato esito dubbio o se viene identificata una anomalia nel tessuto prelevato, il Centro Screening contatterà telefonicamente l’utente per ripetere l’esame o eseguire ulteriori accertamenti necessari. Gli esami di approfondimento sono chiamati esami di secondo livello e possono essere:

  • HPV Test (l’esame è effettuato sullo stesso campione prelevato per il Pap-Test)
  • Colposcopia
  • Visita ginecologica e prelievo per esame istologico

 

I tumori del colon-retto rappresentano la terza neoplasia negli uomini e la seconda nelle donne. Spesso sono il risultato di una trasformazione neoplastica di formazioni benigne ( polipi o adenomi) che è importante identificare e rimuovere.

Lo screening per il tumore del colon-retto è rivolto a uomini e donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni e prevede la ricerca di sangue occulto nelle feci (SOF) ogni 2 anni.

La ricerca del sangue occulto nelle feci (test SOF) è un esame estremamente semplice, consiste nella raccolta (eseguita a casa) di un piccolo campione di feci che verrà analizzato in laboratorio, per individuare tracce anche piccolissime di sangue, non sono visibili a occhio nudo. La presenza di tracce di sangue può rappresentare un indizio della presenza di forme tumorali oppure di polipi che potrebbero avere una trasformazione neoplastica. Una colonscopia successiva potrà permettere di identificarli e rimuoverli precocemente.

Se l’esame ha dato esito positivo (quindi se è stata riscontrata la presenza di sangue nel campione di feci), il Centro Screening contatterà telefonicamente l’utente per programmare un colloquio per valutare la necessità di eseguire una colonscopia di approfondimento.

Come accedere al servizio

Il Centro Screening invia periodicamente le lettere di invito alla popolazione, nelle quali viene riportato luogo, giorno e ora dell’esame.

Chi rientra nella fascia di età indicata per i singoli screening e non ha mai ricevuto l’invito a partecipare e vuole aderire al programma, può contattare il Centro Screening.

Ulteriori informazioni

Ultima modifica

24 Maggio, 2024